CHI SIAMO

Opaca Fronde: un nuovo progetto di letteratura latina viva.

INGREDERE PAGINAM LATINAM

COS'È OPACA FRONDE

Il Sodalicium Haicubus Latine Pangendis Romanum "Opaca Fronde" (società romana per la scrittura haiku in lingua latina Opaca Fronde) è un nuovo progetto di pratica viva e creativa della lingua latina in una società europea, che vede il patrimonio culturale latino ogni giorno sempre più marginalizzato e a rischio di perdere il proprio ruolo vitale all'interno della cultura e della storia dei popoli d'Europa.

Image by Ksenia Makagonova
Rome

QUAL È IL NOSTRO SCOPO

Lo scopo e l'attività dei membri di Opaca Fronde sono la pratica e la composizione poetica in latino attraverso la forma e lo spirito dell'haiku, carmen classico della letteratura giapponese, senza tuttavia rinunciare allo stile e ai principi caratteristici della letteratura latina classica e non solo.

CHE COS'È UN HAIKU

L'haiku è un componimento poetico della letteratura classica giapponese. Derivato dalla pratica del Renga (o versificazione incatenata), ricevette una propria dignità poetica grazie all'attività del maestro Matsuo Basho, che ne è considerato il padre spirituale e letterario, nel coso del XVII secolo.

L'haiku è un componimento composto da tre versi senza rima e identificati da una metrica precisa che ne definisce una generale estensione sillabica (cfr. il nostro De haicuum forma atque natura per ulteriori dettagli):

  • 5 sillabe per il I verso;

  • 7 sillabe per il II verso;

  • 5 sillabe per il III verso.

Lo spirito dell'haiku è dunque ispirato a brevitas (in una mirabile comunione d'intenti con i principi stilistici del più maturo ellenismo), semplicità, limpidezza e concentrazione di significato, costituendo una sfida creativa e stimolante per ogni appassionato di poesia e letteratura latina.

Japan Temple Bell
Used Books

PERCHÈ L'HAIKU?

Illuminati dalla precedente esperienza di Harundine - Societas Flandrica Haicubus Latine Pangendis, crediamo che la pratica della scrittura creativa di haiku in lingua latina possa essere al contempo un potente mezzo di espressione interiore per studenti e appassionati e un modo interessante, colto ma anche divertente di coltivare e approfondire la conoscenza della lingua latina, che si arricchisce costantemente e potentemente attraverso la pratica, soprattutto se questa è legata alla libera espressione dell'universo spirituale e mentale di chi scrive.

Crediamo inoltre che il carattere umano e letterario giapponese e quello latino-romano siano rari testimoni di

vicendevoli e preziose risonanze interiori, che rendono estremamente interessante e foriera di risultati tutt'altro che trascurabili la pratica di una forma di poesia così lontana geograficamente in una lingua - quella latina - per noi così vicina e familiare.

LA FORZA DIDATTICA DELL'HAIKU

Tra i suoi vari elementi costitutivi, la scrittura di haiku presenta una caratteristica peculiare, soprattutto quando sono scritti in lingue diverse da quella giapponese: l'estensione estremamente limitata dell'haiku (si tratta del componimento più breve della letteratura mondiale) e la necessità di descrivere in maniera chiara e immediatamente comprensibile una o più immagini, pensieri o sensazioni (e spesso tutti e 3 questi elementi nello stesso tempo) obbligano lo scrittore a soppesare e considerare attentamente e scrupolosamente il significato di ogni singola parola del breve componimento, scegliendo con cura i vocaboli da impiegare e il loro posizionamento all'interno della sintassi del carme. Mare non è la stessa cosa che aequor o pelagus; lutum non è lo stesso che caenum; nubes è diverso da nebula e nimbus così via. E' per questo che scrivere haiku in latino può risultare estremamente utile a livello didattico, poichè può portare lo studente ad approfondire la sua conoscenza di termini e sintassi della lingua latina, permettendogli di esercitare un maggiore controllo attivo sulla lingua.

Many Lies